come si usano i morsetti elettrici

Come si usano i morsetti elettrici

40

I morsetti elettrici sono utilizzati per unire i componenti di un circuito elettrico così da formare un percorso per il flusso di corrente elettrica. Sono molto utilizzati dai professionisti che forniscono un servizio di riparazioni e installazioni elettriche.

In linguaggio tecnico i morsetti si chiamano connettori, hanno l’estermità maschio dov’è presente la spina e l’altra estremità femmina dove si trova la presa e si collegano l’un l’altro formando una connessione permanente, oppure puoi utilizzarli per connettere temporaneamente un componente al circuito.

Grazie ai morsetti elettrici potrai ridurre di molto lo sforzo, il tempo e il lavoro per produrre, assemblare o installare dispositivi elettrici.

Com’è fatto un morsetto elettrico?

In linea di massima un morsetto elettrico è composto da due parti: l’alloggiamento e i terminali che sono utilizzati per i collegamenti. Ma non sono formati solamente da questi, ti illustrerò le altre parti dei morsetti:

  • La custodia: è la parte esterna che serve a contenere il terminale e permette di creare una connessione stabile, oltre che a proteggere il collegamento da cortocircuiti e rischi ambientali. Solitamente vengono realizzati in plastica o in altri materiali isolanti, come ad esempio la ceramica.
  • I terminali: sono il fulcro del morsetto, si occupano di far passare l’energia elettrica per rendere sicuro il collegamento. Nella maggior parte dei casi sono composti da metalli semplici, oppure altri materiali conduttivi come carbone o silicio.

Tipologie di morsetti elettrici e a cosa servono

Esistono diversi tipi di morsetti elettrici, distinguibili tra loro in base alla funzione, fondamentalmente i morsetti possono essere suddivisi in cinque grandi categorie, chiamate livelli connettore:

  • Cavo-scheda o sottoassieme-sottoassieme;
  • Box-to-box o input/output;
  • Chip IC o chip-to-package;
  • Pacchetto IC o pacchetto-to-board;
  • PC scheda-scheda.

Molti connettori sono studiati per essere utilizzati in una specifica applicazione, ma la maggior parte di essi può essere classificata per il tipo di connessione che offre:

  • Morsetti: i più diffusi, sono formati da numerosi fili e sono collegati uno ad uno ad un singolo punto, si trovano racchiusi in un alloggiamento in materiale isolante. Potrai trovarne in commercio numerose tipologie, ma a differenza di altri hanno una mancanza di una protezione del circuito e sono ingombranti. Solitamente si utilizzano per connettere dispositivi elettrici o sono utilizzati su circuiti stampati.
  • Binding post: servono a collegare i fili scoperti ai pali fissandoli con delle viti e morsetti. Solitamente l’altra estremità si collega ad un terminale, una spina o ad un pin. Questi post molte volte vengono collegati tramite spine a banana, terminali a capocorda oppure a semplici pin. Vengono utilizzati per molti dispositivi diversi e il loro uso specifico in ambito audio oppure elettronico.
  • Spina a presa: un’apposita presa femmina con uno o diversi pin viene collegata ad una spina maschio oppure direttamente ad una presa. È una delle soluzioni più semplici e funzionale in quanto ti permette di effettuare collegamenti senza l’utilizzo di particolari strumenti. Tra i tipi di connessione di questo tipo troviamo quelli più conosciuti per PC, tra cui le prese USB, HDMI, RCA, DVI SCSI, cavo di rete, collegamento audio, con cavo coassiale etc. Specialmente sono utilizzanti nei prodotti elettronici di consumo che gestiscono audio e video, in informatica, nei circuiti stampati e nelle applicazioni automobilistiche.
  • Rack e pannello: solitamente questi connettori sono utilizzati per collegare parti elettroniche rimovibili ad apparecchiature fisse, specialmente nei casi in cui è necessario lo spazio o l’affidabilità di una connessione stabile e duratura. Tra questi tipi di connessione puoi trovare i rack a pannello, cavo a pannello oppure cavo a cavo. In particolar modo puoi utilizzarli con le stampanti, i modem, per le telecomunicazioni o per i comuni sistemi stereo casalinghi.
  • Anello e paletta: servono per collegare un singolo filo, però in questo caso la connessione e protetta da un “sandwich” che racchiude un palo a filetto e un bullone oppure una vite. Grazie alla loro semplicità consentono connessioni facili, che posso essere rimosse velocemente nel caso in cui il blocco è leggermente aperto. Vengono utilizzate principalmente in connessioni punto a punto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *