tapparelle

Tapparelle: come pulirle e mantenerle al meglio

57

Le tapparelle sono un elemento di grande importanza all’interno della propria abitazione, visto che servono per sicurezza e per evitare di far entrare la luce di prima mattina all’interno della casa.
Come ben sai, essendo perennemente esposte allo smog, polvere ed agenti atmosferici, si sporcano molto facilmente, specialmente nelle fessure. Ciò sicuramente non è bello da vedere, poco igienico e può alterare il corretto funzionamento della tapparella.
Proprio per questo, è necessario che effettui operazioni di pulizia periodiche, per mantenerle sempre efficienti. Puoi far eseguire queste operazioni a determinate ditte specializzate o anche farlo tu stesso, visto che non richiede strumenti particolari.
Scopriamo di seguito come pulire correttamente e con efficacia le tapparelle della tua casa, seguendo il consiglio dei professionisti di Fabbro Bologna, società attiva nella provincia emiliana, in tutte le zone.

Come pulire le tapparelle

Per quanto riguarda la parte esterna, quella sempre a contatto con lo sporco, si inizia passando una spazzola o anche l’aspirapolvere, per cercare di eliminare il più possibile tutta la polvere e la sporcizia accumulata, specialmente nelle fessure.
Dopo fatto ciò, puoi passare alla pulizia manuale, che si effettua con un panno morbido leggermente umido e col detersivo sgrassante, se sono presenti anche delle incrostazioni. Ti consiglio di avere nelle vicinanze una piccola bacinella con dell’acqua, per sciacquare e strizzare periodicamente lo straccio. Dopo aver pulito uniformemente tutta la superficie, si può passare un panno asciutto in microfibra per concludere il tutto.
Un altro aspetto molto importante è pulire i cassonetti delle tapparelle, un elemento spesso sottovalutato ma che anch’esso si sporca facilmente e porta a diminuire l’efficienza.

 

Come procedere alla pulizia della tapparella

Devi iniziare rimuovendo il pannello, che di solito ha una semplice apertura e chiusura ad incastro. Nel caso contrario, dovrai svitare le varie viti con un cacciavite. Successivamente, tramite una scopa o una spazzola devi togliere tutte le ragnatele e la polvere presente all’interno, magari dando una passata conclusiva con l’aspirapolvere. Ora dovrai fare i stessi passaggi per la parte esterna della tapparella, ovvero prendere una bacinella con dell’acqua e passare un panno strizzato con del detergente, cercando di pulire ogni angolo del cassonetto ed anche la parte di tapparella arrotolata, magari facendola srotolare passo passo da qualcuno vicino.

Infine, l’ultimo elemento che devi pulire per completare al 100% il lavoro è la cinghia, che sporcandosi col tempo può diventare meno efficiente e portare anche a problemi di incastri e non scorrere correttamente.
Per pulirla basta un semplice panno in microfibra leggermente inumidito passandolo per tutta la lunghezza della cinghia, anche sulla zona superiore in prossimità del cassonetto.

Abbiamo così completato una pulizia totale della tapparella, che tornerà pulita e brillante come nuova, così come anche l’efficienza che sarà ripristinata. E’ importante fare questi lavori in completa sicurezza, specialmente per i cassonetti in alto, e, se non si può assicurare ciò, far svolgere queste pratiche a personale specializzato.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *