We Transfer Free e We Transfer Plus

Wetransfer Free e Wetransfer Plus

2158

Inviare foto e documenti di grandi dimensioni non è più un problema se si decide di usare un tool come We Transfer al posto della tradizionale posta elettronica. Molto spesso l’email non permette l’invio di file di grandi dimensioni o cartelle ZIP, creando problemi a chi lavora con materiali pesanti.

In tutti questi casi We Transfer viene in aiuto dell’utente con un servizio gratuito Wetransfer Free o a pagamento, WeTransfer plus.




Disponibile in italiano, We Transfer permette la condivisione di file fino a 2GB, che restano conservati sul server per 7 giorni e possono essere scaricati anche più volte. Si tratta di una soluzione pratica ed efficace, che non richiede registrazione ed è di uso immediato. Non a caso WeTransfer, nella sua versione Free e Plus, è uno dei metodi per inviare file di grandi dimensioni più usato.

We Transfer Free: come funziona

Per usare il servizio Wetransfer e cominciare subito ad inviare file di grandi dimensioni basta andare sul sito www.wetransfer.com e cliccare su Inizia per poi selezionare il “+” e cominciare ad aggiungere i file, fino a un massimo di 2GB. A questo punto si indicherà il proprio indirizzo email, quello del destinatario e il messaggio di accompagnamento, facendo poi click su “Trasferisci”.

Per la sua semplicità e immediatezza Wetransfer è il tool per invio file di grandi dimensioni più usato assieme a Dropbox e Mega. Vediamo ora la guida completa all’utilizzo.

We Transfer: la guida

WeTransfer è stato aggiornato e migliorato nella sua versione WeTransfer Free il 4 novembre 2019 e ora analizziamo nei dettagli questo cambiamento. Prima dell’aggiornamento Wetransfer funzionava come appena indicato: dalla Homepage si selezionavano i file sal PC per poi attendere pochi secondi o qualche minuto per il caricamento sul server. A quel punto bastava attendere pochi secondi e inserire il proprio indirizzo email, quello del destinatario e il messaggio di accompagnamento.

Oggi, dopo questo aggiornamento, la procedura per inviare file con WeTransfer è stata ulteriormente semplificata.




La versione WeTransfer Free permette di caricare un documento o più file per un massimo di 2GB e il tool restituisce un link da copiare e incollare nella mail. I file restano disponibili per il download per una settimana e questo sistema è apprezzato dagli utenti che lavorano con materiale pesante. Perché WeTransfer è cambiato?

Il motivo è stato la necessità di adeguarsi alle nuove normative della privacy, dato che lavorare con il link elimina ogni problema nella gestione dei dati personali. In questo modo We Transfer Free e We Transfer Plus non trattano i dati sensibili, come l’indirizzo email, rendendo il tool ancora più sicuro. Prima del 4 novembre 2019, invece, WeTransfer funzionava in modo diverso, vediamo come.

Wetransfer e l’invio file prima del 4 novembre 2019

Tutti abbiamo dovuto, prima o poi, per scopi privati o professionali inviare file di grandi dimensioni con Wetransfer. Si tratta di un modo per superare i limiti dei servizi email e che presenta tanti vantaggi, anche per chi scegli di usare la versione Free del tool.

Innanzitutto si tratta di un sistema gratuito per inviare fino a 2GB a 20 indirizzi email diversi, la tecnologia è disponibile in lingua italiana e può essere usata da browser e da app. Non è necessaria registrazione e, prima del metodo basato sulla condivisione del link, era sufficiente fare l’upload del file e inserire l’indirizzo email. Non a caso WeTransfer è il tool più apprezzato da privati e aziende per inviare file pesanti.

L’importante è ricordare che i file trasferiti restano disponibili sul server per il download per un massimo di una settimana, al termine della quale sono cancellati. Se il destinatario non scarica i file il sistema ricorda la presenza online con una mail.

Cosa ricevono destinatario e mittente?

Una volta inviato il materiale il destinatario riceve una mail di avviso e può cliccare su Scarica File arrivando nella schermata di Wetransfer. Il mittente, invece, riceve una email di ringraziamento e successivamente viene informato dell’avvenuto download del file da parte del destinatario.

We Transfer Plus: la versione a pagamento del tool

Chi sceglie di utilizzare Wetransfer deve sapere che non esiste solo Wetransfer Free, ma che è disponibile anche la versione a pagamento WeTransfer Plus. Il servizio, sotto forma di abbonamento, è la soluzione ideale per chi invia grandi quantità di materiale di grandi dimensioni. Si tratta, in particolare di grafici, web designer e video maker. Vediamo ora cosa offre in aggiunta Wetransfer Plus.




Rispetto a Wetransfer free la versione a pagamento permette di:

  • inviare file fino ad un massimo di 20GB
  • archiviare file fino a 100GB
  • impostare una password per il download dei file;
  • personalizzare la grafica degli invii (email con design personalizzato, wall paper, url dedicato)
  • decidere la scadenza dei trasferimenti
  • … e molto altro ancora.

Il tutto al prezzo vantaggioso di 12€ al mese o 120€ annuali. Hai ancora domande sull’utilizzo di WeTransfer? Ecco le FAQ.

WeTransfer: FAQ

Ora che hai capito i vantaggi dell’utilizzo di WeTransfer per l’invio di file di grandi dimensioni, vediamo la risposta alle FAQ più frequenti relative a questo tool.

  1. Cosa fare se si sono inviati per errore dei file? Si possono rimuovere dal server WeTransfer prima che vengano scaricati dal destinatario?

Purtroppo WeTransfer non offre questa possibilità, ma si può avvisare il destinatario dell’errore e inviare i file corretti.

  1. Si possono inviare più file senza che il destinatario debba scaricarli ad uno ad uno?

Sì, We Transfer permette anche l’invio di cartelle in formato .zip in modo da caricare sul server un’unica cartella con tutti i file da inviare.

  1. Cosa fare se il destinatario non scarica i materiali e non si riceve la mail di avvenuto download?

Il consiglio è quello di verificare se il destinatario ha ricevuto il file e controllare se la email è finita nella cartella SPAM. Per sicurezza si consiglia anche di impostare una regola NO SPAM per le email ricevute da WeTransfer.

  1. Si può programmare l’invio dei file con WeTransfer?

No, purtroppo l’invio non è programmabile e non si può posticipare l’invio dei file.

  1. Cosa si può fare se non si riesce ad aprire il file ricevuto?

In questo caso è bene verificare con il mittente l’estensione dei file. Questo problema si verifica maggiormente con i file zippati da aprire con Winzip o WinRar.

  1. Come posso sapere la dimensione del materiale caricato?

Sapere se il materiale caricato supera i 2GB è semplice dato che WeTransfer indica le dimensioni dei file. In alternativa si può fare click sul file per aprire la scheda delle proprietà e controllare il peso.

  1. Devo inviare materiale che supera i 2GB, come posso fare?

Il consiglio è quello di fare più invii o passare alla versione Plus di We Transfer. Ricordiamo che il tool permette di fare più invii nella stessa giornata pertanto si possono suddividere i materiali da inviare in più spedizioni.

  1. Cosa posso fare se ho sbagliato destinatario?

Una volta completato l’invio con WeTransfer Plus non si può tornare indietro e i file saranno cancellati dal server solo dopo 7 giorni dalla spedizione. La soluzione ideale è fare un secondo invio, selezionando l’email del destinatario corretto.

  1. Si possono inserire più destinatari ed indirizzi email?

Sì, dato che We Transfer Free permette di indicare fino a 20 destinatari email.




We Transfer Free e We Transfer Plus: le alternative

Con l’aggiornamento del 4 novembre 2019 WeTransfer è stato migliorato e funziona ancora meglio rispetto alla versione precedente. Semplice da usare, flessibile e sicuro il tool è la soluzione ideale per inviare file di grandi dimensioni per la vita personale e professionale.  Tuttavia, qualora si decidesse di non usare Wetransfer ci sono due alternative come Dropbox o Google Drive.

  1. Google Drive: si tratta di uno dei servizi più usati per condividere file di grosse dimensioni e fa dell’affidabilità di Google il suo punto di forza. Per questo è una valida alternativa a WeTransfer, che funziona diversamente trattandosi di un servizio di cloud storage.
  2. Dropbox: questo è uno dei metodi più usati per scambiarsi file di grandi dimensioni e il più conosciuto da privati e aziende. Proprio come Google Drive si tratta di un sistema di cloud storage che archivia i file in uno spazio cloud e li rende visibili da amici e colleghi. Dropbox lavora sia con PC sia con MAC e permette di condividere gratuitamente fino a 2GB di file, proprio come la versione gratuita di WeTransfer.

Altri modi per condividere file di grandi dimensioni

Oltre ai metodi appena visti ci sono altri modi per condividere file di grandi dimensioni. Pensiamo all’hosting web, con la possibilità di caricare file sul tuo sito web e condividere il link diretto, a patto di avere un proprio spazio web a disposizione.

Inoltre, se il file non supera i 25MB si possono usare i tradizionali servizi di email, dato che alcuni operatori come Libero mettono a disposizione soluzioni come JumboMail nel caso di invio di file pesanti.

Ancora si possono usare per la condivisione dei file i servizi di messaggistica istantanea come Skype, Slack o WhatsApp Web.




 

 

 

 

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *