Candele alla citronella: ecco come usarle e spegnerle con la massima sicurezza

75

Le zanzare sono presenti sulla Terra da secoli e da sempre l’uomo cerca di allontanarle per evitare le fastidiosissime punture. Al giorno d’oggi sono disponibili vari strumenti rivolti proprio ad aiutare l’uomo in questa sorta di battaglia personale con le zanzare e proprio per questo motivo oggi cercheremo di vedere assieme come spegnere in totale sicurezza le candele alla citronella.

Quest’ultime, infatti, si rivelano essere un valido rimedio anti zanzare e non è un caso che nel corso degli ultimi anni si sia posta un’attenzione sempre maggiore alla lavorazione candele alla citronella, al fine di garantire il massimo risultato.

Candele alla citronella in massima sicurezza

Le candele alla citronella sono considerate come il rimedio antizanzare per antonomasia. A tal fine dovete sapere che la fiamma in sé non ha alcuna funzione nel tenere lontane le zanzare e che, alla fine dei conti, serve solo a poter sciogliere la cera.

Una volta fusa, infatti, si mantiene alla temperatura di circa 60/70° C e questo permette la diffusione nell’aria delle essenze che svolgono la vera azione repellente.

Proprio per questo motivo le candele cominciano a mostrare il loro effetto solo quando buona parte della cera in superficie si è sciolta. In tal senso vi suggeriamo di accendere le candele almeno 30 minuti prima, in questo modo potranno garantirvi la massima protezione.

Una volta visto come funzionano le candele alla citronella, passiamo ai primi consigli per utilizzarle in massima sicurezza.

Ebbene, il primo aspetto da prendere in considerazione è il contenitore, assicuratevi che sia realizzato utilizzando solamente materiali di qualità.

Il principale problema che è possibile riscontrare utilizzando le candele alla citronella è rappresentato dalle fiamme libere.

Queste, infatti, non devono essere lasciate incustodite durante l’uso e non devono essere poste vicino a materiali infiammabili come tende o mobili di legno.

Suggeriamo, inoltre, di non lasciare che la cera si consumi completamente in quanto una volta esaurita svanisce anche l’effetto repellente.

Se tutto questo non bastasse, i portastoppini di metallo possono raggiungere alte temperature che rischiano di crepare il recipiente o rovinare la superficie su cui poggia la candela.

Per questo motivo è importante ricordarsi di spegnere definitivamente le candele quando vi è un residuo di cera di almeno mezzo centimetro.

Come spegnere le candele alla citronella

La maggior parte di noi ha l’abitudine di spegnere le candele semplicemente soffiandoci sopra, ma nulla di più sbagliato.

Per spegnere le candele alla citronella, infatti, è necessario utilizzare un adeguato spegni candela.

Soffiando o gettando acqua sullo stoppino, invece, si rischia di far fuoriuscire la cera fusa.

Se possibile, spegnete le fiaccole con un bastoncino, in questo modo eviterete fumo e cattivo odore. Non solo, lo stoppino risulterà ben cerato e pronto anche per una nuova accensione.

Per finire, vi ricordiamo che per permettere a queste candele di funzionare in modo ottimale, potete sistemarle all’esterno, sopra il tavolo, su una sedia appositamente libera, oppure per terra.

L’importante è che le collocate in luoghi in cui risultino ben protette dal vento, perché potrebbe far disperdere il profumo oppure spegnerle del tutto.

Progettate per essere utilizzate in ambienti esterni, inoltre, vi interesserà sapere che è possibili utilizzare le candele alla citronella anche dentro casa.

In questo caso, ricordatevi di prestare attenzione ad alcuni piccoli accorgimenti, tra cui, il tenere le finestre aperte in modo tale che l’odore e il fumo prodotto dalla combustione possano volatilizzarsi all’esterno senza arrecare alcun fastidio.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *