Apple e google partner sul tracciamento contatti per combattere il covid-19

Come faranno Apple e Google a combattere la diffusione del covid-19 con il tracciamento

164

Il telefono sarà presto in grado di avvisarti se sei entrato in stretto contatto con qualcuno che è risultato positivo al coronavirus. Questo è quanto sta trapelando nelle ultime settimane. La partnership Apple/Google sarà qualcosa di irripetibile e per alcuni addetti ai lavori, come News Digitale, qualcosa di emozionante, dopo anni di faide per il monopolio tecnologico.

Apple e Google si stanno unendo per aiutare a creare delle app con l’intenzione di rallentare la diffusione del coronavirus.

I giganti della Silicon Valley non stanno realizzando le app, ma stanno fornendo la struttura portante di cui le organizzazioni sanitarie hanno bisogno per creare app di tracciamento dei contatti.

Insieme ai test sugli anticorpi e ai test con tampone nasale, la tracciabilità dei contatti è considerata uno degli strumenti più potenti per limitare la diffusione della malattia mortale del virus.

L’obiettivo del tracciamento dei contatti è semplice: costruire un elenco di persone che si trovano nelle vicinanze di una persona infetta e utilizzare tali informazioni per mantenere le persone esposte isolate in modo da non trasmettere la malattia ad altri.

Perché proprio Google e Apple

Google e Apple sono coinvolti perché la moderna tracciabilità dei contatti si basa sulla mappatura e sulla tecnologia Bluetooth del telefono, qualcosa di cui sia Apple che Google ne sanno abbastanza.

Tuttavia, il tracciamento dei contatti solleva anche un problema preoccupante.

Le preoccupazioni relative alla privacy e alla sicurezza (che Google, Apple e le organizzazioni sanitarie devono superare per essere efficaci). Ecco cosa sapere su come tracceranno i contatti e come verrà utilizzato in tutto il mondo per aiutare a rallentare la diffusione del coronavirus.

Cos’è il tracciamento dei contatti?

Il tracciamento dei contatti è uno strumento utilizzato dai funzionari della sanità pubblica per identificare le persone che potrebbero essere venute a stretto contatto con qualcuno che è risultato positivo per qualsiasi malattia, non solo COVID-19.

Fatto alla vecchia maniera, i funzionari sanitari intervistano una persona infetta per creare un elenco di tutte le persone con cui la persona in questione ha visto o parlato. I funzionari quindi raggiungono tutti quelli presenti nell’elenco per dire loro che sono stati esposti, quali misure adottare se presentano sintomi e come non infettare gli altri.

Per combattere questa particolare pandemia di coronavirus, i nostri telefoni hanno il potenziale per fare questo estenuante lavoro di tracciamento dei contatti per noi e mantenere un elenco di altri telefoni che rientrano nel raggio di rilevamento Bluetooth, a meno di un metro da te.

Se una persona viene infettata, i funzionari sanitari possono informare le persone a cui si sono avvicinati quando già erano contagiati con consigli su come monitorare i sintomi, prendersi cura di se stessi e prevenire la diffusione del virus.

tracciamento dati con tecnologia

Cosa fanno gli smartphone con il tracciamento dei contatti?

L’uso della tecnologia Bluetooth già presente nel telefono consente una velocità di risposta molto più rapida.

Ecco come funzionerà: un telefono utilizzerà un’app rilasciata dalle autorità di sanità pubblica per trasmettere ai telefoni vicini un identificatore univoco e ascoltare identificatori univoci da altri telefoni con l’app.

Per un esempio semplicistico, quando ci incontriamo nel negozio, l’identificatore del mio telefono potrebbe essere 123456, mentre il tuo potrebbe essere 654321. Ogni telefono manterrà un elenco a rotazione di 14 giorni di altri telefoni in cui è stato a stretto contatto.

Per garantire che il sistema non ti stia rilevando contatti di poca rilevanza (come qualcuno che guida in auto) il tuo telefono registrerà identificatori univoci che si trovano a pochi metri da te per un certo periodo di tempo, ad esempio 10 o 15 minuti.

Quindi, se qualcuno risulta positivo, il medico o il laboratorio che ha amministrato il test fornisce un codice per accedere all’app.

Tale codice attiva l’app per caricare su un server l’identificatore univoco della persona. Il server quindi avvisa tutti coloro che si trovano a pochi metri dalla persona infetta che devono almeno autoisolarsi o addirittura fare un test per il coronavirus.

L’isolamento di individui che potrebbero aver acquisito il virus è particolarmente importante perché molti sono asintomatici ma possono ancora trasmettere la malattia ad altri, che possono quindi sviluppare sintomi potenzialmente letali e persino morire.

Apple e google partner sul tracciamento contatti per combattere il covid-19

Come stanno collaborando Apple e Google

L’uso dei nostri smartphone per il tracciamento dei contatti sarà più efficace se parteciperà un’ampia maggioranza della popolazione. L’Università di Oxford stima che il 60% di una popolazione abbia bisogno di usare i telefoni per rintracciare una pandemia, anche se numeri di adozione più bassi rallenteranno la diffusione.

Tra le due società, Apple e Google detengono quasi il 100 percento del mercato mondiale della telefonia mobile, il che offrirebbe potenzialmente la più ampia piattaforma per la tracciabilità dei contatti digitali.

Per questo motivo, i due giganti della tecnologia hanno detto che lavoreranno insieme per creare il tracciamento dei contatti basata su Bluetooth nei loro telefoni e aiutare le aziende sanitarie locali, nazionali e internazionali a sfruttare queste funzionalità per costruire le proprie app di tracciamento dei contatti.

Apple e Google non costruiranno le app, come già detto. Al contrario, forniranno gli strumenti che consentono alle aziende sanitarie di creare app che si collegano unitamente su iPhone e Android.

Le due società hanno dichiarato di aspettarsi di avere i primi strumenti pronti per le aziende sanitarie a maggio e hanno in programma di espandere gli strumenti nei prossimi mesi per consentire una più ampia partecipazione.

Le implicazioni sulla privacy del tracciamento dei contatti

Affinché il tracciamento dei contatti sui nostri smartphone sia efficace, la maggior parte di noi deve raccogliere e quindi potenzialmente condividere con i governi locali un elenco di tutti coloro che sono stati vicini per 14 giorni. Ma per coloro che sono già preoccupati per la loro privacy individuale e dell’abuso dei dati personali da parte delle società tecnologiche, dare alle autorità pubbliche l’accesso a informazioni ancora più personali solleva preoccupazioni sulle responsabilità del trattamento dei dati.

Apple e Google hanno affermato che stanno adottando misure di sicurezza per proteggere la privacy. I registri dei contatti memorizzati sul telefono non conterranno informazioni di identificazione personale: se ricevi una notifica, saprai di essere stato in contatto con qualcuno malato, ma non saprai chi è o dove lo hai incontrato.

Le aziende hanno dichiarato di stare mescolando le informazioni di identificazione per garantire che le persone non possano essere rintracciate. E per impedirti di essere monitorato negli spostamenti, l’identificatore univoco generato casualmente che il tuo smartphone trasmette, cambierà ogni 10-20 minuti. Il servizio sarà disponibile solo per i funzionari delle aziende sanitarie.

Sperando che questa pandemia possa arrestare la sua marcia impetuosa quanto prima, la tecnologia sembra davvero un mezzo efficace per contrastarlo al meglio.

Risulta singolare, infine, il dilemma nel tentare di salvaguardare la propria privacy a scapito della propria salute o addirittura della propria vita.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *