Come usare i guest post per aumentare la visibilità sul web ?

306

Ogni impresa e qualsiasi professionista è alla ricerca di una visibilità mediatica che assicuri loro l’opportunità di individuare un numero di clienti tale da determinare la crescita del proprio giro di affari. Al di là dei canali di comunicazione tradizionali oggi internet è considerato il medium in grado di garantire attraverso investimenti contenuti nel web marketing una scalata al successo relativamente veloce all’interno di qualunque settore commerciale. Pertanto imprenditori avveduti non possono che rivolgersi ad esperti per ideare e realizzare campagne pubblicitarie che conducano i suoi protagonisti verso risultati lavorativi clamorosi. Le strategie di marketing applicate alla rete presuppongono un’attenzione alla forma e ai contenuti dei messaggi promozionali perchè la comunicazione risulti seducente per il pubblico che si intende intercettare. Occorre peraltro sottolineare che esistono tecniche di marketing la cui efficacia dipende quasi esclusivamente dalla pubblicazione di articoli in vetrine virtuali che abbiano acquisito per Google una granitica credibilità. In particolare il posizionamento seo si sviluppa tenendo conto dell’importanza che i guest post rivestono nell’ambito di una strategia valutata dagli specialisti come la più efficace per conquistare una formidabile visibilità sulla rete. Un sito internet che appaia in prima pagina su Google nel momento in cui l’utente digita una parola chiave attinente al suo tipo di business gli consente di approdare ad una ” luminosità mediatica ” invidiabile.

CONSIGLI SULL’UTILIZZO DEI GUEST POST NELLA STRATEGIA SEO

E’ opportuno segnalare anzitutto regole elementari sulla creazione di un articolo che fanno in sostanza riferimento all’uso di uno stile che sia lo specchio di un severo rispetto per la grammatica e la sintassi della lingua in cui lo si scrive. Fatta questa rapida premessa, è necessario ricordare che gli articoli che compongono l’operazione del guest blogging devono presentare una lunghezza che corrisponda almeno all’utilizzo di 500 parole perchè Google attribuisca una patente di qualità a tale strategia. Brevi testi in cui sia presente un link che indirizzi al sito internet di cui si intende rafforzare l’autorevolezza risultano al famoso motore di ricerca pressochè inutili. Tuttavia a prescindere da regole essenziali che bisogna seguire nella stesura di articoli dall’alto valore tecnico-stilistico, l’elemento determinante in questo contesto è rappresentato dalla forte credibilità che il blog ospitante è riuscito nel tempo a consolidare ” agli occhi ” di Google. L’autorevolezza del dominio riconosciuta in modo definitivo dal motore di ricerca si riflette sulla credibilità ed efficacia del link che conduce alla vetrina virtuale attorno alla quale ruota il contenuto dell’articolo ospitato. Pertanto scrivere guest post che mostrino una ineccepibile qualità formale e contenutistica non è sufficiente se si desidera attraverso questa tecnica far avanzare un sito internet verso la prima pagina di Google. E’ indispensabile dunque che il blog che accoglie l’articolo possegga un buon trust assegnato dal motore di ricerca sulla base dei parametri che lo stesso configura come ineludibili per qualificare l’autorevolezza di un blog.

DOVE INSERIRE I PROPRI ARTICOLI ?

E’ consigliabile nel caso in cui si riscontri una difficoltà invalicabile nell’identificare blog autorevoli che si inseriscano i propri articoli anche in vetrine virtuali che dimostrino di percorrere un cammino tecnico-creativo propedeutico all’acquisizione nel futuro di una solida autorevolezza sul web. A questo proposito riportiamo alcuni esempi che rientrano in questa particolare categoria quali ibhox, ziuto, yaruc, buit, aplo, okflu, ebyce, byppy, ebuio e sflup. Tali blog cioè sono gestiti da amministratori che hanno la seria intenzione di portare le loro vetrine virtuali ad essere considerate nei prossimi mesi dei riferimenti rilevanti per il guest blogging.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *