pepita d'oro

Pepita d’oro di Un Chilo e Mezzo Trovata in Australia

219

Una pepita d’oro del valore di oltre 60 mila euro è stata trovata in Australia da un cercatore di metalli che grazie ad un metal detector ha rinvenuto la pepita d’oro gigante destinata ad entrare a far parte della collezione di qualche ricco appassionato.
In realtà la fortuna è stata perseguita con grande dedizione dal fortunato cercatore d’oro australiano.
L’uomo era volontariamente intento a ricercare metalli ed oggetti metallici, tanto da essere provvisto di un metal detector con il quale nelle vicinanze di un campo presso Kalgoorlie ha rinvenuto il fortunato segnale che lo h portato al ritrovamento della grande pepita d’oro.
Questa zona australiana non è una zona qualsiasi ma un’importante zona mineraria dove da secoli si cerca oro e dove si trovano miniere dalle quali derivano circa i tre quarti del prezioso metallo giallo estratto nel continente australiano.




Una pepita di tali dimensioni non solo potrebbe essere facilmente rivenduta presso un compro oro Firenze o di qualsiasi altra città ma addirittura potrebbe essere acquistata anche da un museo per essere esposta o da qualche ricco collezionista per rendere una unica la propria collezione.
La pepita del peso di quasi un chilo e mezzo è stata ritrovata ad una profondità di nemmeno mezzo metro dalla superficie, il che ha permesso al fortunato cercatore di recuperarla con uno sforzo minimo e senza l’ausilio di attrezzature pesanti per lo scavo.
L’uomo una volta trovata la pepita record si è recato immediatamente presso un punto vendita dedicato ai cercatori d’oro, dove la notizia del ritrovamento è stata subito pubblicata sui social denominando la pepita gigante come il “Mostro” a causa delle insolite dimensioni.




Nonostante le dimensioni della pepita gigante siano più o meno quelle di un normale pacchetto di sigaretta ciò che la porta all’incredibile peso di un chilo e mezzo è il suo elevato grado di densità.
Sull’identità del fortunato cercatore non si sa nulla se non che sia un cercatore definito esperto e per questo si pensa non nuovo ad importanti ritrovamenti, anche se quest’ultima pepita molto probabilmente rappresenta la sua migliore performance.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *