tapparelle bonus casa infissi detrazioni fiscali

Sostituzione tapparelle: detrazioni 2020. Tutto quello che c’è da sapere.

143

Sostituire le tapparelle nel 2020: conviene?

Con l’arrivo dell’anno nuovo potresti chiederti se le detrazioni fiscali del 2019 siano ancora attive. Quando devi fare dei lavori in casa, infatti, è sempre meglio poter approfittare dei bonus per non far lievitare eccessivamente i costi di costruzione.
Se hai in mente di far sostituire le tapparelle o gli infissi della tua abitazione, ma temi di non poter sostenere spese importanti, non ti preoccupare: per gli interventi edilizi sono previste ancora diverse detrazioni che ti aiuteranno a dotarti di nuove componenti. Vediamoli insieme.

Bonus Casa: una detrazione che aiuta il portafoglio.

A seguito di recenti manovre il Governo ha deciso di venire incontro alle richieste di chi, come te, deve intervenire sulla propria abitazione con degli interventi di ristrutturazione.
La detrazione fiscale più importante è quella che prende il nome di Bonus Casa, che ti permette di usufruire di una detrazione Irpef su una spesa che arriva fino ai 96000 euro, purché questa sia impiegata nel recupero di un edificio. Se decidi di approfittare di questa comoda detrazione potrai ottenere un rimborso spese fino al 50%.




Ma quali sono gli interventi compresi in questo bonus? Devi sapere che la validità di questa detrazione non si applica solo a lavori come isolamento delle pareti o installazione di nuovi rivestimenti a pavimento, ma è l’ideale anche se decidi di installare delle tapparelle o degli infissi che possano migliorare l’efficienza energetica di casa tua.

Il Bonus Infissi: come installare nuove tapparelle risparmiando.

Gli interventi legati agli infissi sono i più frequenti, in quanto il loro costo relativamente contenuto (almeno rispetto ad altri lavori) ti permette già di ottenere un netto miglioramento delle condizioni abitative (con l’ eliminazione degli spifferi e la schermatura dalla luce solare).

Tuttavia, si tratta comunque di una spesa che molte famiglie italiane potrebbero avere difficoltà ad affrontare: per questo le detrazioni fiscali del 2020 comprendono anche un vero e proprio Bonus Infissi.
Ma quali sono i passi che devi seguire per usufruire di questo bonus?




Prima di tutto devi accertarti di aver pagato l’intervento tramite un bonifico bancario, che è il modo più sicuro di registrare la transazione, dopodiché l’ente a cui devi spedire la documentazione cambia a seconda del perché tu abbia voluto cambiare infissi, tapparelle o zanzariere.
Se lo hai fatto per migliorare l’efficienza energetica della tua abitazione dovrai rivolgerti all’ENEA, in quanto il Bonus Infissi in questo caso rientrerebbe nell’Ecobonus 2020. Se invece l’intervento effettuato è mirato a una ristrutturazione edilizia di casa tua, dovrai inviare la documentazione all’Irpef, in quanto la sostituzione di tapparelle e infissi rientra nel Bonus Casa.
Negli interventi di sostituzione è compreso anche il ricambio del cassetto delle tapparelle, un intervento relativamente facile da affrontare ma che ti potrà comunque essere rimborsato.
A prescindere dall’istituto che contatterai, il rimborso ti verrà accreditato durante un periodo di 10 anni, con un versamento annuale di quote fino a coprire il 50% delle spese.




Se vuoi intervenire sulla tua abitazione non aspettare: approfitta di queste detrazioni che nel 2020 sono ancora attive e usufruibili.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *