quotazione oro

Quotazione Oro più Forte del Lockdown da Coronavirus

253

La quotazione oro non tradisce mai e vince anche sul coronavirus, un bene rifugio che ha dimostrato di essere all’altezza della sua fama anche di fronte alla crisi del secolo.
La crisi economica finanziaria innestata dalle misure di lockdown è qualcosa di nuovo rispetto alle crisi finanziarie precedenti in quanto non ha affossato solo i mercati azionari ma anche l’economia reale facendo ripiegare su prezzi bassissimi lo stesso petrolio.
In alcuni momenti in cui i mercati azionari hanno lasciato sul terreno fino al 50% del valore dei maggiori indici azionari anche il prezzo oro ha traballato seppur non scendendo al di la del 13% del suo valore.
Momenti che in verità hanno fatto sorgere qualche dubbio anche sulla tenuta della quotazione oro ma che in realtà sono stati causati dalla monetizzazione degli investimenti in oro di una parte di investitori che avendo perso cifre enormi su altri asset avevano necessità impellente di liquidità.
La stessa strategia che viene adottata in caso di necessita anche dagli investitori in oro fisico che vendono ai compro oro Firenze o di altri luoghi lingotti e monete in momenti in cui hanno necessità di liquidità per esigenze economiche quotidiane.
I giorni in cui anche il prezzo oro ha subito perdite, seppur molto contenute rispetto all’andamento generale, sono però stati compensati nelle sedute successive che hanno fatto velocemente ritornare la quotazione oro al valore precedente.
In realtà guardando anche i valore medi delle ultime sedute chi avesse acquistato oro anche solo il primo gennaio 2020 oggi si troverebbe comunque con un saldo positivo, un risultato molto significativo in considerazione delle perdite epocali che hanno subito altri asset ed altri beni da investimento.
L’oro per questo continua ad essere il porto sicuro per gli investitori e non solo visto che sono sempre di più anche i privati cittadini che acquistano oro fisico in lingotti e monete per assicurare almeno parte del valore de propri risparmi.
Una sorta di assicurazione che permette di dormire abbastanza tranquilli anche in prospettiva che la crisi epocale del coronavirus continui a far sentire i suoi effetti devastanti di lungo periodo sull’economia reale.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *