I risultati del mercato immobiliare italiano

253

Il forte immobilismo economico provocato dalla pandemia ha interrotto relazioni commerciali in tutto il mondo. La necessità di contenere il contagio ha imposto una vistosa riduzione degli incontri e nell’ambito del turismo l’interruzione della circolazione delle persone tra i paesi. Era inevitabile che una devastante recessione colpisse quasi ogni settore economico i cui protagonisti, senza avere la prospettiva di pronosticare la fine di questo incubo, si vedono tuttora destinati in taluni casi al collasso. Il mercato immobiliare italiano presenta la stessa sofferenza patita da altri settori poichè l’imponente contenimento delle relazioni lavorative e l’inevitabile impoverimento del ceto medio hanno giocato un ruolo del tutto controproducente. Tuttavia la dimensione del lusso che in ambito immobiliare riguarda le compravendite di appartamenti, palazzi e ville di pregio rimane anche in tempi di eccezionale crisi economica al di fuori delle dinamiche recessive. Infatti le richieste soprattutto provenienti dall’estero rispetto a immobili di lusso hanno forse subito un leggerissimo calo, ma continuano in qualche modo a generare gli stessi profitti che si registravano prima dell’inizio della pandemia. Attici situati nel cuore delle meravigliose città italiane, ville di pregio ubicate nella stupenda campagna della penisola italiana e gli hotel presenti nell’area centrale di alcune metropoli, rimangono ancora l’oggetto del desiderio di facoltosi imprenditori e investitori.

LE AGENZIE IMMOBILIARI INTERNAZIONALI NON RISENTONO DELLA CRISI

Il settore immobiliare che si occupa esclusivamente della vendita di immobili di lusso anche in Italia non risulta toccato dai riflessi di una crisi economica che si può dire non ha mancato di distruggere nella sua ondata straordinaria quasi nessun ambito lavorativo. In particolare tale mercato ha trovato nel Bel paese il suo punto di forza nel senso cioè che l’Italia da sempre è vista come il luogo delle meraviglie in cui la natura e il genio degli artisti hanno contribuito a renderla il paese più attraente del mondo. Pertanto gente benestante, abituata a condurre una vita piena di agi, non è in grado di trattenere l’ammirazione verso il vertice della bellezza che il nostro paese rappresenta. E, desiderose di vivere l’atmosfera da sogno che soltanto l’Italia è capace di regalare, tali persone sono propense a acquistare appartamenti, ville e palazzi in qualsiasi parte dello ” stivale “. I titolari di luxurytophomes.com confermano che le compravendite di beni immobiliari di pregio si sono appena rallentate a causa della terribile pandemia, ma il numero di richieste e la conclusione delle loro mediazioni possono dirsi analoghe a quelle che vivevano nel periodo antecedente al diffondersi della pandemia. E’ corretto concludere, dunque, che il mercato immobiliare che ha ad oggetto la vendita di strutture di lusso rimane vivo e vitale senza cioè partecipare al vortice della crisi che sfortunatamente ha coinvolto quasi tutti i settori lavorativi a livello mondiale.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *